Sul web è ancora cliccatissimo il servizio de Le Iene che, nel 2006, metteva in luce l'ignoranza di diversi parlamentari che, all'epoca della guerra in Afghanistan, non sapevano neppure pronunciarne il nome, storpiandolo in Afaghistan, nè avevano idea di cosa stesse accadendo da quelle parti.

Il pubblico sin da allora ha dimostrato grande coinvolgimento per queste tematiche: la gente si indigna quando scopre che i politici vengono profumatamente pagati dai cittadini per prendere decisioni su materie che invece dimostrano di ignorare totalmente (sul Corriere c'è chi parlò di un livello culturale degno "d'un ripetente di terza media").

Alice Arienta gaffe su Piazza De Angeli


Ci ha stupito non poco, quindi, constatare che, non solo questa epidemia culturale è ancora in atto, ma lo è anche tra chi, per questioni generazionali, è più vicino al mondo di riferimento de Le Iene e probabilmente all'epoca del servizio in questione era davanti alla tv a ridere e indignarsi per i politici caproni.

Alice Arienta è un consigliere di zona a Milano, quota PD. Più precisamente siede nel consiglio di Zona 7, area urbana di Milano nota anche come "Quartiere Marghera-De Angeli". Con la sua espressione angelica da ragazza acqua e sapone che si mette, con grande sacrificio, al servizio dei cittadini della sua zona, Alice è diventata il paladino dei diritti civili del circondario e, con grande padronanza dei nuovi media digitali, utilizza pagine Facebook per supportare le sue battaglie civiche. Da "Piazza Pulita" – dove qualche giorno fa è esplosa in un trionfale "Piazza Piemonte libera!" nonostante il famoso ecomostro sia ancora là, sotto gli occhi di tutti – a "Alice per ZONA 7_la città delle meraviglie" dove la nostra Alice, con la sua aria sbarazzina, dimostra di saper ancora sognare un mondo migliore, partendo dalla zona 7, appunto.

Però poi arriva la doccia fredda che non t'aspetti: Alice non conosce neppure il nome della piazza principale della sua zona. Altro che Afghanistan: Alice si perde dietro l'angolo del suo consiglio di zona. La piazza De Angeli, che dà il nome a una fermata della metropolitana, per Alice si chiama Piazza De Angelis. E la nostra Heidi della fiera vecchia ne è così convinta da metterlo diverse volte nero su bianco tramite Facebook, finchè un'utente non glielo fa notare.

Alice Arienta gaffe su Piazza De Angeli - Milano - Zona 7

La nostra Alice nella zona delle meraviglie, insieme a chi l'ha sostenuta (Pisapia in testa), dimostra così di ignorare la differenza tra politica giovane e politica fatta dai giovani (che talvolta hanno idee più vecchie dei vecchi).

All'improvviso tutte le sue promesse si infrangono contro il muro di una bacheca Facebook. Ed è così che emerge tutta la naïveté di chi pensa che basti un mezzo moderno come Facebook e la faccia giovane di una ragazzina acqua e sapone per fare una politica innovativa e portare un soffio di "vento nuovo" che spazzi via la vecchia mala-gestione. Invece la ricetta che ci propina Alice è il solito politichese delle frasi fatte, come "deve essere coinvolta la cittadinanza" o "capire quali sono i margini di manovra", ma anche lo scaricabarile da prima repubblica: per Alice, infatti, è sempre colpa della vecchia amministrazione, anche quando ci vogliono sei mesi per tirare giù un metro quadro di ecomostro e non si intravede la fine dei lavori di Piazza De Angeli.

Insomma, questa storia ricorda molto da vicino la vicenda de Le Iene, una vicenda fatta di ignoranza e di cattiva politica, ma con due aggravanti: 1) il politico delle Iene non vive in Afghanistan, mentre Alice si suppone sia cresciuta e viva nella zona "Marghera-De Angeli"; 2) Alice dovrebbe rappresentare il nuovo che avanza e spazza via la vecchia politica maneggiona fatta di ignoranti con la cultura di un "ripetente di terza media", e invece viene colta in fallo proprio su una nozione basilare per lo svolgimento del suo lavoro di consigliere.

Se questa è il vento nuovo per Milano… c'è puzza di muffa.

La consigliera di Zona7, Arienta, non conosce neppure il nome della piazza principale della Zona.

Ti segnaliamo anche i seguenti articoli:

  1. NUOVO GIALLO NELLA ZONA 7 – CHE FINE HA FATTO LA FONTANA DI PIAZZA DE ANGELI?
  2. Piazza Piemonte e l’ecomostro che resiste
  3. Giù le pensiline in Piazza Piemonte, ma mancano le statue (un indizio? cercare nella Bat Caverna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *