Fa discutere a Milano la decisione di Monti di tenere i negozi aperti 24 ore durante i saldi per risolevvare il commercio. ma tanto è: entro 90 giorni i negozi si dovranno adeguare: liberalizzati orari e domeniche di apertura. SaldiAdalberto Corsi, vicepresidente vicario Confcommercio Milano, si dice preoccupato e parla di una demagogia inutile e di una deregulation verosimilmente dannosa per i piccoli commercianti e le imprese a conduzione familiare.

Pare dello stesso avviso anche l'assessore comunale Franco D'Alfonso che sottolinea come il commercio sia un settore già frammentato e anticipa possibili ripercussioni negative sull'occupazione.

E sono proprio i piccolo commercianti ad essere preoccupati, non potendo sostenere i turni di notte. Ci si chiede perchè la stessa liberalizzazione non è stata allora prevista per altri settori.

L'assessore regionale Stefano Maullu non esclude la possibilità di ricorrere alla Corte dei Conti sull'esempio della Toscana per salvaguardare l'autonomia decisionale territoriale.

L'Adoc è per il momento  favorevole alla nuova legge. Ma la risposta più importante sarà probabilmente quella dei consumatori. 

Saldi a Milano: negozi aperti 24 ore ma i commercianti dicono no

Ti segnaliamo anche i seguenti articoli:

  1. Shopping a Milano: multe ai negozi di corso Buenos Aires che lasciano le porte aperte
  2. Negozi di musica a Milano: torna di moda il vinile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *